Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI     VIDEO

3a CAT. - EVANDRI: Buono il campionato del ROCCA SANTA MARIA

A cura di Luca Salini

La sconfitta casalinga contro la corazzata Hadranus non scalfisce il soddisfacente avvio di campionato del Rocca Santa Maria, formazione che milita nel campionato di terza categoria. 12 punti in 5 partite rappresentano un ottimo viatico per continuare in modo brillante un campionato lungo e difficile. Ne abbiamo parlato con il Mister del Rocca Santa Maria, Alessandro Evandri.

Mister Evandri, domenica sera c’è stato il big match tra la sua squadra e l’Hadranus, terminato con la vittoria per 1 a 0 della compagine atriana. Un commento sulla partita?

Sapevamo che l'Hadranus calcio fosse un ottima squadra con un mix di esperienza e giovani di categoria superiore. Nel primo tempo loto hanno fatto girare bene la palla ma noi siamo stai attenti a non commettere errori. Purtroppo sull'unica disattenzione di una seconda palla il loro centravanti ha infilato un bel tiro da 30 metri, con il nostro portiere fuori dai pali. Nel secondo tempo siamo rimasti in 10 dopo 15 minuti, a quel punto una grossa nostra reazione ci ha fatto conquistare metri e abbiamo giocato meglio in inferiorità numerica. Loro hanno avuto altre due occasioni, altrettante noi. E’ stata la classica partita di chi sbaglia perde.

Che impressione le ha fatto la capolista Hadranus?

Sicuramente ha giocatori di esperienza di categoria superiore: centrocampo senza difetti, ottimi centrali difensivi, ma soprattutto sugli esterni sono forti. La candidata principale per la vittoria finale è l’Hadranus anche perchè fino ad ora non ha subito reti.

Il Rocca Santa Maria sta disputando un ottimo campionato in una terza categoria molto equilibrata…

Per adesso, tranne lo stop casalingo del fine settimana scorso, siamo andati bene e stiamo disputando un buon campionato, ma ricordiamoci che il campionato è lungo. Spero di riprendere il cammino positivo dalla prossima domenica.

La società si è mossa bene sul mercato. Il vostro obiettivo per il campionato?

Il Rocca Santa Maria ha confermato in blocco tutti giocatori della rosa: abbiamo acquistato Remo Zacchei, Fabiano Ciampani, Stefano Di Luca e il portiere Andrea Palazzese. Importare il ritorno di Di Domenico Gian Pacifico. Abbiamo una rosa lunga, che per queste categorie, visti gli impegni lavorativi e familiari, è fondamentale, anche perché i nostri ragazzi giocano solo per divertirsi. L’obbiettivo vero e proprio non c'è, andiamo avanti domenica per domenica, più arriviamo in alto, più ci divertiremo.

A suo giudizio quali sono le squadre meglio attrezzate per la promozione in seconda categoria?

Nell'attuale campionato nei primo 8 posti ci sono compagini attrezzate. Ribadisco come prima favorita l'Hadranus, poi ci sono l'Athetic Tortoreto, l'Atletico Teramo, il Cerchiara, il Bellante e il Tossicia.

La sorpresa, il giocatore più forte e la squasra-delusione fino a questo punto del campionato?

Mi ha impressionato il terzino sinistro dell'Hadranus Pierluigi Di Marco, che possiede corsa, tecnica ed acume tattico, un giocatore di tre categorie superiori. Mi aspettavo qualcosa in più dal Frondarola, che negli ultimi anni ha disputato sempre ottimi campionati. Spero per loro che diano una sterzata al campionato anche perchè ci sono parecchi amici.

Il campionato sarà lungo e combattuto. Quale fattore può fare la differenza e può essere decisivo?

In questo campionato è fondamentale avere una rosa lunga, la differenza la fa l'allenarsi costantemente per riuscire a creare un gruppo compatto. A mio decisivi saranno gli infortuni.

Vogliamo parlare dell’importanza sociale e aggregativa del calcio per i paesi del nostro territorio. Lo dimostra il folto pubblico che è tornato sugli spalti.

Rocca Santa Maria nasce proprio per creare aggregazione sociale, basti pensare che il 60% per cento della rosa è composta da ragazzi locali. Purtroppo quest'anno siamo penalizzati a causa dei lavori di rifacimento del campo, altrimenti ogni domenica in casa era una festa. Ora abbiamo perso anche una parte della nostra tifoseria storica ma speriamo di tornare presto a giocare a Rocca

Ultima domanda: a suo giudizio come sarà il calcio post pandemia?

Sto vedendo squadre che fanno investimenti esorbitanti e squadre che hanno grosse difficolta visto che gli sponsor sono diminuiti. Questo deve essere a mio giudizio un anno di transizione in cui occorre puntare di più sui giovani del settore giovanile e soprattutto programmare per sviluppare il calcio giovanile.  

Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione Abruzzo il 28/10/2021
Tempo esecuzione pagina: 0,06722 secondi