Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI     VIDEO

Intervista a Daniele SCARTOZZI, nuovo tecnico UEFA B

Manca ormai solo l’ufficialità ma possiamo dire che Daniele Scartozzi, dopo una bellissima e importante carriera calcistica più che ventennale, è diventato a tutti gli effetti un tecnico abilitato dopo aver sostenuto e superato il corso Uefa B a Coverciano in compagnia di gente del calibro di Ribery, Hernanes e Diamanti solo per citarne alcuni. Abbiamo raggiunto Daniele a pochi giorni dalla prova finale brillantemente superata facendogli qualche domanda..

Ciao Daniele prima di parlare della recente attualità che ti riguarda, volevamo chiederti come mai hai deciso di lasciare il calcio giocato alla fine della passata stagione..

Ho lasciato il calcio giocato perché l’anno scorso ho avuto un brutto infortunio al ginocchio. I primi giorni sono stati durissimi perché fortunatamente nella mia carriera non ho avuto mai infortuni che mi hanno tenuto fuori per molto tempo.

Cosa ti hanno dato questi ultimi anni nel dilettantismo dopo una carriera di tutto rispetto tra serie C e D..

Gli ultimi anni nel dilettantismo per assurdo mi hanno dato di più che nei professionisti perché ho trovato il vero amore per lo sport, gente che lavora e poi viene al campo con l'entusiasmo che avevamo da bambini, e resterebbe  nello spogliatoio per ore anche dopo l'allenamento. Ci si abitua al sacrificio perché tra i Pro si è serviti e riveriti, non ti fanno mancare nulla e si tende a dare tutto per scontato perdendo di vista le cose belle dello sport.

Ma veniamo ad oggi, cosa ti ha spinto ad intraprendere la carriera da allenatore e da quale step iniziale ti piacerebbe partire?

Passato il primo periodo dopo l’infortunio mi sono detto dentro di me che potevo vederla come un’opportunità ed ho avuto tempo per leggere tanto e imparare tante cose nuove. Amo troppo il calcio per abbandonarlo e credo e spero nel mio piccolo di poter insegnare qualcosa. Vorrei  iniziare questa nuova avventura da una prima squadra perché mi piacerebbe aver a che fare con persone di qualsiasi età.

Ultima domanda non te la possiamo non fare su due tue ex squadre che stanno tornando alla ribalta per motivi diversi e parlo di Pineto e Giulianova..

Sono contentissimo di vedere il Pineto e il Giulianova che finalmente stanno tornando nelle categorie che meritano , ho la fortuna di lavorare nell'azienda del Dott. Brocco quindi vedo  in prima persona l'entusiasmo e la passione che ha messo in questi anni per raggiungere questo traguardo

Che emozione è stata per te rivedere tutte quelle persone per un Teramo Giulianova..

Domenica ero allo stadio per vedere il derby e ho avuto la pelle d'oca dall'inizio alla fine perché c'era un'atmosfera incredibile sugli spalti e un sano agonismo dentro al campo, spero che Teramo, Giulianova, Pineto ma l’Abruzzo in generale possa tornare a far parlare di se in tutta Italia come anni fa quando moltissime squadre militavano nei Professionisti.

Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione Abruzzo il 05/10/2023
Tempo esecuzione pagina: 0,05403 secondi