Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI     VIDEO

1a CAT. - Il CALCIO ATRI riparte con tante novità

A cura di Luca Salini

Dopo gli ultimi campionati in cui l’obiettivo play off è sfumato per “corto muso”, il Calcio Atri inizia la stagione 2023/2024 con un notevole restyling innanzitutto a livello societario con l’inserimento di figure dotate di competenza ed esperienza. In esclusiva il Presidente Alessandro Italiani, pur rimanendo abbottonato sui movimenti di mercato dei giocatori, ci illustra i nuovi innesti all’interno del sodalizio, ma anche gli obiettivi e le aspettative per il campionato alle porte.

Presidente Italiani, il Calcio Atri è protagonista da alcuni anni di campionati giocati ad alti livelli. La nuova stagione inizia con un notevole rinnovamento in ambito societario con innesti importanti. Ce li descrive?

La nuova stagione parte all’insegna di un rinnovato entusiasmo e di una nuova configurazione societaria. Alla confermatissima squadra della scorsa stagione si aggiungono due nuove figure. Elio Di Matteo come Direttore Generale e Maurizio Cantarini come Direttore Sportivo. Il resto dello staff è confermato. Carlo Di Francesco, Giulio Pavone, Roberto Adorante, Manuel Trotta nella parte dirigenziale; Mauro D’Andreagiovanni, Umberto Italiani, Vincenzo Leonzi, Fabio Paparini, Vincenzo Savini e Enrico Seconetti nella parte tecnica ed operativa. Anche in questo settore stiamo lavorando ad una implementazione. Stiamo pensando ad una figura esterna collaborativa che possa sviluppare alcune idee e progetti che ho in mente.

Alla luce di queste novità, quali sono i vostri obiettivi per la stagione 2023/2024?

Il nostro obiettivo è quello di fare bene, migliorare la posizione in classifica dello scorso anno ma anche di continuare a dare spettacolo e far divertire il pubblico.

La novità principale riguarderà l’entrata in vigore della cosiddetta RIFORMA DELLO SPORT. Essa porterà tante novità positive per i calciatori ma anche diverse criticità operative. Noi siamo pronti ed i nostri nuovi tesserati hanno già firmato i contratti per la prossima stagione. Ci saranno maggiori oneri amministrativi e la necessita di consulenti esterni laddove non presenti nell’assetto societario. Qui l’obiettivo sarà quello di non sbagliare. Noi abbiamo la fortuna di avere nella figura del nostro mister uno dei maggiori esperti del settore.

Si è parlato in modo intenso di fusioni tra le realtà calcistiche atriane. Però non se n’è fatto niente…

Sulle vicende societarie delle tre compagini di Atri capoluogo ci sarebbe da scrivere un libro. Si parte sempre con le migliori intenzioni ma poi non si arriva mai al dunque. Io continuerò a lavorare per una riunificazione. Gli addetti ai lavori conoscono bene come sono andate le cose.  Anche sulla vostra testata giornalistica negli ultimi quattro anni ho provato a lanciare appelli che costantemente cadono nel vuoto. Sarà per il prossimo anno. Io non mollo.

Presidente, il Calcio Atri in quale girone di prima categoria verrà inserito?

Credo che sia presto per poter dare una risposta. Ci sono molte variabili ancora in gioco. La road map prevede dei passaggi. Il primo step sarà l’iscrizione. Vedremo se tutte le 55 squadre si riscriveranno o se ci saranno fusioni o abbandoni. Dopo sarà la volta delle domande di ripescaggio. Al termine si potrà avere un quadro definitivo per la composizione dei gironi. Resta altresì vero che i ripescaggi verranno inseriti nel girone A (aquilano) come disposto dal Comitato. I ripescaggi saranno almeno uno. Se non ci saranno stravolgimenti geografici importanti credo che le ripescate dello scorso anno rimarranno tutte nel girone aquilano, perché in altri non vi è posto. Una teramana sicuramente dovrà trasmigrare, siamo infatti in 15. Chi non lo so.

Veniamo al mercato. A detta dei rumors si preannuncia una rivoluzione rispetto alla rosa della scorsa stagione con tanti arrivi e tante partenze. Cosa ci dice in merito?

Abbiamo deciso di gestire con nuove prospettive l’organizzazione tecnica delle scelte andando a dare ampio ed importante risalto ai nostri giovani tesserati. Ponendo al centro del nostro progetto le loro capacità e la loro voglia di emergere. Una scelta pensata già alcuni mesi fa.

Avete già ufficializzato i primi colpi di mercato in entrata e in uscita?

I colpi di mercato saranno ufficializzati il 3 luglio, ci saranno tante novità, molte conferme e diverse sorprese. Adesso siamo fermi sul mercato, dopo 10 giorni intensi, infatti tiriamo il fiato, dando spazio alla giusta presentazione dei tanti nuovi arrivi. Oltre allo staff devo ringraziare i ragazzi che non sono stati scelti perché hanno dimostrato comunque una grande serietà. Ai ragazzi che non giocheranno più nel Calcio Atri auguriamo di proseguire nel percorso di crescita iniziato con noi. Desidero ringraziare e salutare il capitano Lorenzo Angelozzi che dopo 5 anni non indosserà più la maglia del Calcio Atri.

 

Mister Umberto Italiani è confermatissimo in panchina. Il giusto riconoscimento per l’ottimo lavoro svolto in questi anni.

Un grande professionista. I risultati parlano da soli. Un allenatore moderno a cui piace insegnare calcio. Ha fatto crescere negli anni tanti talenti, oggi richiesti da molti. Ha messo passione, cuore e massimo impegno in ogni allenamento. La società è grata per il suo lavoro e siamo sicuri che anche in questa prossima stagione non lesinerà impegno e dedizione nonostante la recentissima nascita del primogenito Saverio Maria Italiani.

Presidente, a quale obiettivo puntate per la prossima stagione?

Come dicevo sopra l’obiettivo è quello di fare bene, migliorare il risultato dello scorso anno ma soprattutto di far vedere del bel calcio agli sportivi e tifosi rossoverdi. Il mio obiettivo personale è quello di portare a zero le discussioni post gara, momento dove, per me personalmente, c’è ancora molto da lavorare.

 

 

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione Abruzzo il 01/07/2023
Tempo esecuzione pagina: 0,05010 secondi