Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI     VIDEO

Superlega, progetto che mette in discussione la nuova Champions League

Il progetto Superlega, nato come un fulmine a ciel sereno e che ha seriamente minato alla stabilità del calcio europeo, si è arenato nel giro di poco tempo. Complice la guerra innescata dalla UEFA e la dissertazione di quasi tutte le componenti in causa, eccezion fatta per Juventus, Real Madrid e Barcellona.

Ceferin, numero uno UEFA, ha più volte minacciato sanzioni e provvedimenti, poi non applicati: la prossima Champions League vedrà le tre squadre sopracitate regolarmente partecipanti. Il grido d’allarme però è stato forte, accolto anche da chi inizialmente era stato escluso dal progetto che potrebbe ancora cambiare le sorti del calcio europeo e mondiale. La crisi pandemia ha messo in ginocchio soprattutto i top club, che seppur non rischino di scomparire come le realtà più piccole, devono fare i conti con fatturati in calo e debiti per miliardi di euro.

Al di là di tutte le discussioni circa i criteri e l’etica della Superlega, quel che è certo è che il calcio europeo necessita di una riforma, soprattutto se l’obiettivo è prima di ogni cosa la sopravvivenza. La stessa che ad oggi non assicura la UEFA né tantomeno la Champions League, i cui compensi non hanno differenza”, commenta Massimiliano Riverso, head writer di Gaming Insider.

I premi, fino a quindici milioni per i due club che raggiungo la finale più quattro supplementari per la vincente, non soddisfano più gli standard: non bastano, in una sola parola, per far fronte ad un calcio che ha ormai dei costi spropositati e che paga forse troppo la sua sudditanza alle procure sportive e alle grandi aziende di marketing. A questo va aggiunta la crisi di pubblico: il calcio è uno sport che pare non riuscire a tenere alti gli standard e competere con altri sport come il basket, soprattutto americano, e la Formula 1, che non solo hanno cifre più alte ma attirano sempre più spettatori, di tutte le fasce d’età.

Il problema è che intere generazioni di ragazzi stanno crescendo senza l’amore per la palla, invertendo la tendenza che si era piuttosto affermata nel Novecento. Nel 2001 seguiva il calcio il 91% dei giovani, oggi solo il 77%: percentuali destinate a crollare nel prossimo decennio, conclude l’analisti di Gaming Insider.

La risposta della Uefa comunque non si è fatta attendere:
dal 2024 al via la rivoluzione della Champions League, con un cambio storico di format. Addio alle 32 squadre di oggi, con la competizione che si allarga a 36 squadre. La vera novità è rappresentata dal girone unico, con dieci partite a testa prima della trafila che dagli ottavi porta alla finale. Praticamente un campionato europeo, impostato sul modello della Superlega ma con criteri differenti. Basterà per sopravvivere?

Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione Abruzzo il 30/06/2021
Tempo esecuzione pagina: 0,09656 secondi