Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI     VIDEO

Serie A 20121/22: chi sarà la principale avversaria dell'Inter?

Il campionato è appena terminato e adesso l’attenzione è tutta su Europei e Coppa America. Questione di poche settimane prima che i tifosi tornino a sognare la Serie A, che nell’ultimo anno ha riscritto valori e gerarchie tornando a concedere chance di vittoria a tutti. Dopo 9 stagioni, infatti, il ciclo fortunato della Juventus è giunto al termine e a vincere lo scudetto è stata l’Inter, che non alzava un trofeo dalla Coppa Italia del 2011. Secondo gli addetti ai lavori, dunque, il “Biscione” godrà di una certa considerazione nelle quote aggiornate sul campionato di Serie A, ma a prescindere non è detto che a sua volta l’Inter inizi una sequela di successi da qui al prossimo futuro. Tante squadre scalpitano per arrivare in vetta.

Il Milan è stato campione d’inverno e fino a qualche mese fa sembrava il “Diavolo” il favorito per la vittoria finale. I rossoneri hanno perso troppo terreno nel giro di poche settimane e spesso sono stati anche orfani di Ibrahimovic, arrivando a conquistare la qualificazione in Champions solo all’ultima giornata, balzando al secondo posto. “Ibra” rimarrà ancora a Milano, al contrario di Donnarumma le cui pretese economiche hanno finito con lo spazientire la dirigenza. In ogni caso, la rosa rossonera sarà presto rinforzata e il Milan potrà tornare ad essere protagonista sia in Italia sia in Europa a distanza di ben 8 anni.

Un alone di mistero avvolge invece la Juventus. Sì, Pirlo era un tecnico senza alcuna esperienza, ma non è stata di certo colpa sua se Conte ha spremuto al massimo l’Inter, portandola con merito al tricolore. Chissà che il ritorno di Massimiliano Allegri non possa tirare fuori il meglio dai vari Rabiot, Ramsey e Kulusevski, per non parlare di Dybala che non ha ancora manifestato il suo massimo potenziale. Ombre anche sull’avvenire di Cristiano Ronaldo, che mai come stavolta avrebbe lasciato la porta aperta per cambiare destinazione. L’Inter è rimasta orfana dello stesso Conte e dunque il buon vecchio Max dovrà approfittarne.

Poco chiaro il progetto del Napoli. Dopo la mancata qualificazione in Champions il rischio di ridimensionare i progetti è concreto: basti pensare che Allegri era vicinissimo alla panchina partenopea, per poi virare nuovamente in direzione Torino dopo il verdetto stagionale tanto nefasto per gli azzurri. Inutile nasconderlo: i tifosi temano che i pezzi grossi della rosa come Kalidou Koulibaly e Piotr Zielinski possano essere ceduti. L’obiettivo del Napoli, comunque, non sarà quello di vincere lo scudetto, ma semplicemente quello di tornare nell’Europa che più conta.

Spazio dunque all’Atalanta, reduce dalla terza qualificazione consecutiva in Champions e dalla seconda finale di Coppa Italia persa nel giro di 3 anni. Quella di Gasperini è ormai una realtà consolidata a tutti gli effetti. Gli orobici non sbagliano un colpo nemmeno sul mercato, scoprendo in continuazione talenti le cui valutazioni finiscono col gonfiarsi dopo una sola stagione. Occhio anche alla Roma: Mourinho non ha accettato di sposare la causa della “Lupa” solo per fare la comparsa. Anche la Lazio, però, può riservare sorprese con la nuova guida tecnica. Insomma, sembra proprio che l’anno prossimo ne vedremo delle belle…

Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione Abruzzo il 09/06/2021
Tempo esecuzione pagina: 0,05659 secondi