Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI     VIDEO

2a C - Intervista a Mister MIMMO CERICOLA

A cura di Luca Salini

In questo numero abbiamo avuto il piacere di fare una chiacchierata con Mister Mimmo Cericola, allenatore da circa un mese del Real C. Guardia Vomano, compagine che milita nel campionato di seconda categoria girone C. Mister Cericola non nasconde le ambizioni della società e confida in un potenziamento della rosa durante la fase del mercato invernale.

 

Mister Cericola, benvenuto su Teramo Dilettanti- AbruzzoGol. Vogliamo parlare dei suoi trascorsi e della sua carriera nel mondo del calcio?

Innanzitutto ringrazio la redazione di Teramo Dilettanti e Abruzzogol per l’opportunità concessami. I trascorsi nel mondo del calcio mi portano a tornare indietro di diversi anni. Sono cresciuto nel Teramo Calcio, dove ho fatto la trafila nelle giovanili sino alla prima squadra, con qualche ritiro estivo e sporadiche apparizioni. Poi il lavoro mi ha portato lontano da Teramo, ho giocato per qualche anno nel calcio dilettantistico e poi ho iniziato ad allenare a Basciano, dove ho bellissimi ricordi, per poi passare rispettivamente nell’Alto Tordino, Montaurei, Castagneto, Colleatterrato, Varano, Torricella. Tutte esperienze diverse e belle che mi hanno accresciuto dal punto di vista sportivo ma sopratutto umano, in cui ho avuto modo di stringere solidi rapporti di amicizia. Da circa un mese sono diventato allenatore del Real C. Guardia Vomano.

La sua squadra sta disputando un ottimo campionato. Quali erano i vostri obiettivi ai nastri di partenza del campionato?

La mia squadra è stata costruita per cercare di fare un campionato di vertice. L’obiettivo della società è sicuramente quello di cercare la promozione in prima categoria. Personalmente ho trovato un gruppo ben allenato dal mio predecessore, con una organizzazione tipica di categorie superiori e di e per questo ringrazio Presidente e società. Stiamo lavorando per cercare una ulteriore crescita sia dal punto di vista tattico che, soprattutto, della mentalità.  
E' soddisfatto di questo inizio di stagione o si aspettava qualcosa di più dalla sua squadra?
 

Credo che questa squadra meriti qualche punto in più in classifica tenendo conto delle prestazioni offerte. Ad ogni modo continuiamo a lavorare per cercare di recuperare i punti che ci dividono dalle prime della classe, consapevoli della nostra forza.
A suo avviso quali sono le squadre favorite per la vittoria del campionato e per i play-off? 

A mio avviso la classifica attuale definisce le legittime aspiranti al salto di categoria, con le squadre li davanti che sono davvero attrezzate per la promozione.

Mister si avvicina la finestra di mercato di riparazione. Ha fatto delle richieste alla società per migliorare ulteriormente la rosa? 

Per dicembre cercheremo sicuramente di portare qualche giocatore motivato, funzionale alla squadra,  che ci possa aiutare  a crescere ulteriormente e a lottare per il vertice.
Un commento sulla partita di domenica 24 contro l'Angelese, che ha sancito la sconfitta della sua squadra.

A mio parere domenica è arrivata una sconfitta immeritata per quello fatto in campo. L’Angelese, squadra caparbia e organizzata, è stata brava a sfruttare l’occasione avuta e a difendersi in maniera intelligente- Invece noi non siamo stati bravi a leggere determinate situazioni. Dopo un buon primo tempo nella ripresa abbiamo fatto confusione e non siamo riusciti a trovare la via del goal. Guardiamo e pensiamo alla prossima partita per riscattarci.   
Ultima domanda: ci illustra la sua idea di gioco e il suo modo di concepire il calcio? 

A me piace un calcio, organizzato e divertente, dove tutti si sentano partecipi e protagonisti, con un modulo di gioco che possa esaltare le qualità dei ragazzi a disposizione.

A cura di LUCA SALINI

Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione Abruzzo il 26/11/2019
Tempo esecuzione pagina: 1,07490 secondi