Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI     VIDEO

Intervista al giornalista Roberto Marchione. A cura di Luca Salini

Parlare di calcio e di cultura con un giornalista eclettico e competente è sempre fonte di arricchimento e di ulteriore conoscenza. Roberto Marchione rientra in questa categoria di professionisti e ci ha rilasciato la seguente intervista, dettagliata ed esauriente.

Hai collaborato e collabori per diverse testate sportive, sei addetto stampa del Castelnuovo calcio. Come riesci a conciliare tutte le attività?

Non è semplice conciliare il tutto, ma con la passione e la volontà, quando le collaborazioni sono di alto livello e ci si trova bene si riesce a far tutto. Certo ho dovuto inevitabilmente selezionare e mettere da parte alcune altre cose, ma direi che collaborare con Il Centro, Rete8 Sport e il Castelnuovo Vomano Calcio significa farlo con le eccellenze nei vari settori del giornalismo. Certo che, oltre al dover conciliare il tempo per tutte, bisogna anche metterci tanta professionalità per trovare gli equilibri lavorativi tra le varie cose e metterci sempre imparzialità.

Abbiamo intervistato il Presidente del Calcio Atri, Alessandro Italiani, il quale ha in mente un progetto di fusione tra le squadre di Atri capoluogo che lo scorso anno non è andato a buon fine. Un tuo commento in merito. 

Non è un discorso semplice, penso che una fusione da una parte potrebbe essere un bene perché si unirebbero le forze per provare a portare avanti progetti più importanti, ma allo stesso tempo non è facile perché comunque si rischia di perdere le peculiarità delle varie compagini e, inoltre, servirebbe totale affinità tra le varie strutture societarie e i rispettivi progetti. Altrimenti si rischierebbe di non trovare accordo sulla gestione delle varie situazioni e i danni sarebbero maggiori dei miglioramenti; c’è poi sempre il rischio che le fusioni, più che un unione di intenti, diventino un inglobamento da parte di una società rispetto alle altre e in questo caso i benefici diminuirebbero.

A tuo avviso quale squadra di calcio di Atri o frazioni sta ottenendo i migliori risultati in questa stagione? Quale squadra invece ti ha deluso dal punto di vista dei risultati? 

Credo che senza ombra di dubbio al momento i migliori risultati li stia ottenendo il Casoli di Mister Alfredo Di Marzio in Prima Categoria. Si tratta di una squadra ben costruita e gestita che potrà lottare fin alla fine per un obiettivo importante. Non mi ha deluso particolarmente nessuna, tutte più o meno stanno disputando un campionato secondo le aspettative, anche se c’è la situazione del Fontanelle che dopo un avvio in sordina si è ripreso ed è tornata in zona playoff, una squadra che avrebbe buone potenzialità per puntare ancora più in alto ma alla quale è mancato l’inserimento di qualche tassello durante l’estate. Credo che comunque se la dirigenza vorrà provare a migliorare ulteriormente si adopererà nel mercato di dicembre.

Veniamo al campionato di Eccellenza. Si può fare un primo bilancio stagionale sul rendimento delle squadre locali? 

Anche quest’anno stiamo assistendo a un bel campionato di Eccellenza. Il Castelnuovo Vomano sta disputando un ottimo campionato di vertice come era nelle premesse. La squadra che sta stupendo è l’Alba Adriatica che anche quest’anno, con una squadra formata da tanti giovani, riesce a navigare nelle zone alte della classifica, mentre la Torrese dopo un avvio un po’ sottotono si è ripresa bene e potrà sicuramente dire la sua per le zone alte. Pontevomano e Nereto si trovano impantanate in zona playout ma con andamenti diversi: entrambi i sodalizi ambiziosi di poter disputare un campionato tranquillo, i primi sono partiti male  e ora sembra che si siano messi in moto, mentre i secondi al contrario, dopo un ottimo avvio, sono in una fase di crisi.

E sul campionato di promozione girone A? 

Il girone A di Promozione, come avevo pronosticato in una puntata del “Pallone sotto l’ombrellone”, è il più avvincente ed equilibrato degli ultimi anni. Il  Mutignano e il Montorio stanno insidiando L’Aquila e hanno le carte per poterlo fare fino alla fine; andamento nelle previsioni per le altre, forse un po’ sottotono il Piano della Lente che comunque dopo una partenza a rilento ora sta provando a risalire; mentre il Morro d’Oro al contrario dopo una partenza lanciata è in un periodo di flessione.

Come valuti il progetto del Calcio Atri che ha deciso di puntare sui giovani? 

Puntare sui giovani è sempre importante, soprattutto nei campionati inferiori c’è bisogno di squadre che valorizzino i giovani per renderli pronti a categorie superiori dove poi possano mettersi in mostra e magari cominciare una carriera più importante.

Hai recentemente pubblicato il secondo libro, I Documenti inediti di Nicola Sorricchio, secondo volume della collana Hatria Civitas Vetusta. Ci illustri i contenuti del tuo libro?

Col mio libro “I documenti inediti di Nicola Sorricchio” ho voluto riportare alla luce l’unico manoscritto inedito del grande storico atriano del ‘700, nel quale si parla della storia del Collegio dei Gesuiti presente ad Atri nel XVII e XVIII secolo, una storia particolare che racconta di come quella che poteva essere una bella realtà per dare sostegno agli orfanelli si rivelò poi un danno per gli stessi, per il mancato versamento delle somme dovute dai religiosi in cambio della gestione del Priorato. Tale situazione  generò un ingente danno economico al Comune e agli stessi orfani che si ritrovavano spesso malnutriti e con poco o niente di cui vestirsi.

Un tuo giudizio sul campionato di prima categoria girone D e di seconda categoria girone C. 

Nel girone D di prima categoria anche quest’anno sta stupendo il Castagneto, anche se credo che dovrà fare i conti fino alla fine col Casoli e con l’Alba Montaurei. Credo che anche lo stesso Giulianova Annunziata risalirà la china e potrà dire la sua. Il girone C di Seconda Categoria è più combattuto ma penso che alla fine la lotta per il primo posto potrebbe essere una questione a due tra il Cellino e il Real C. Guardia Vomano.

Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione Abruzzo il 20/11/2019
Tempo esecuzione pagina: 0,09757 secondi