Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI COPPE     VIDEO

CALCIO ATRI: risultati e obiettivi di 1a squadra e settore giovanile

Peculiare intervista al presidente rossoverde Alessandro Italiani a cura di Luca Salini

Il Calcio Atri rappresenta ormai una consolidata realtà nel panorama calcistico regionale: ciò alla luce della serietà e della sana ambizione della società, presieduta da Alessandro Italiani, e degli ottimi risultati sportivi ed etici raggiunti a livello di prima squadra e di settore giovanile. Abbiamo intervistato il Presidente del sodalizio, Alessandro Italiani. 
Presidente Italiani, lei da circa un anno è al timone della prestigiosa società Calcio Atri. Un bilancio di questo primo anno di presidenza? 
Il bilancio di questo anno di presidenza può essere racchiuso nella felicità dei tre ragazzi convocati con la rappresentativa regionale allievi o nella bella esperienza che due esordienti (classe 2006) stanno svolgendo nel Centro Tecnico Federale di Silvi, convocati dalla Federazione per un provino, ma ormai stabilmente presenti in tutte le convocazioni. Un altro grande risultato è vedere crescere l'entusiasmo e l'attaccamento alla maglia dei giovani ed anche degli anziani in prima squadra. Un momento ulteriore da ricordare sono sicuramente gli esordi di tre ragazzi 2002 in prima squadra e la splendida vittoria a Castiglione con 3 ragazzini classe  2001 esordienti in campo. Il Bilancio però non è il mio o meglio non è solo il mio. Siamo una società composta da tanti uomini in gamba e quindi tutti i risultati vanno condivisi con il gruppo che mi onoro di presiedere.
Il Calcio Atri milita nel campionato di prima categoria girone D ed attualmente naviga a 29 punti in piena zona playoff. E' soddisfatto dei risultati ottenuti in questa prima parte di stagione o si aspettava di più? 
Sono soddisfatto della posizione in classifica. La squadra era stata costruita per affrontare il girone pescarese ed invece ha dovuto affrontare il ben più ostico e diverso girone teramano, dove i campi e le tifoserie sono diverse. Sono quindi cambiate in corso d'opera le strategie ed abbiamo da subito dovuto rincorrere sia dal punto di vista della mentalità che del tipo di gioco. Nonostante tutto, siamo perfettamente in linea con i programmi e le ambizioni iniziali. Siamo in buona posizione di classifica, stiamo facendo giocare i giovani talentuosi e stiamo migliorando anche dal punto di vista comportamentale. Siamo soddisfatti dei giocatori e dello staff tecnico, del loro impegno e dei loro sacrifici. Sanno che devono e possono fare anche talvolta meglio e che il raggiungimento dei risultati dipende principalmente da loro;  i nostri giocatori sono consapevoli. altresi, di essere forti. 
Avete fatto operazioni in entrata o in uscita durante la fase di calcio mercato invernale? 
Durante la fase del mercato invernale abbiamo ceduto il classe 2000 De Luca al Morro D'Oro, abbiamo acquisito le prestazioni di Perini dal Morro D'Oro e di Tommaso Assogna dal Mutignano. Inoltre abbiamo raggiunto l'accordo con il Pineto per l'acquisizione di tre Juniores e con l'Hatria Team di altrettanti ragazzi sempre per la Juniores.
La società Calcio Atri vanta anche un importante settore giovanile. Vogliamo parlarne in linea generale e quali sono i vostri obiettivi? 
Il settore giovanile è rappresentato dalla SCUOLA CALCIO e dalla AGONISTICA. Siamo forse l'unica società della provincia di Teramo ad avere una SCUOLA CALCIO, un settore giovanile completo fino alla Juniores, ed una prima squadra militante in prima categoria, tutti sotto un'unica bandiera. Abbiamo circa duecento tesserati. 
L'obiettivo primario della nostra società e della Scuola Calcio (primi calci, piccoli amici, pulcini ed esordienti) per la stagione in corso è quello di far divertire ed educare i ragazzi, mentre per la prossima stagione sportiva è chiaramente quello di migliorarci. 
Per quanto riguarda il settore giovanile agonistico ( giovanissimi, allievi, juniores) abbiamo già raggiunto con allievi e giovanissimi l'obiettivo di svolgere la fase finale provinciale. L'ipotetica vittoria nella fase finale equivarrebbe alla promozione alla categoria regionale. Siamo in lotta quindi per far iscrivere nel prossimo anno le nostre squadre alle categorie regionali. Onestamente non era nelle aspettative ma grazie al buon lavoro dei nostri allenatori siamo ora nelle condizioni di lottare ed ottenere un grandissimo risultato che darebbe lustro alla nostra giovanissima società.
Alla luce della sconfitta della capolista Giulianova per le zone alte della classifica tutto è tornato in equilibrio, anche il primo posto. Ce lo fate un pensierino oppure puntate solo ai playoff? 
Il primo posto è l'obiettivo di chi gioca. Raggiungerlo al termine del campionato è il risultato di parecchi fattori tra cui anche la fortuna. Onestamente non siamo strutturati come il Silvi, il Giulianova ed il Villa Mattoni. Queste tre formazioni hanno dimostrato sia a luglio che a dicembre che non hanno badato a spese per acquisire i migliori giocatori sul mercato. Le rose di queste tre compagini sono ampiamente di categoria superiore. Dopo queste tre squadre ci siamo noi insieme ad altre. La nostra rosa si completa di tanti ragazzi delle giovanili che Mister Italiani sta inserendo con grande sagacia, cercando di non bruciarli ma allo stesso tempo chiamandoli ad una rapida maturazione per competere con la aggressività sportiva del girone teramano. Sottolineo che la nostra rosa è al novanta per cento composta da atriani e la media età è 22 anni.
Domenica 13 gennaio avete dimostrato di essere una squadra matura e solida pareggiando 2 a 2, sotto di due gol, contro l'ostico Atletico Lempa. 
La gara contro l'Atletico Lempa ha mostrato una squadra in crescita e sulla via del ritorno agli standard di inizio stagione. Una gara sfortunata sotto alcuni punti di vista, una gara nella quale, se da un lato c'erano i locali in grande stato di forma e con il vento in poppa soprattutto dopo i due goal, dall'altra c'era una squadra che ha visto lo spauracchio della sconfitta ma che allo stesso tempo ha dimostrato di crederci fino alla fine grazie alla preparazione atletica che ha permesso di reggere l'urto mentale e psicologico. Nel calcio i risultati raramente sono frutto di improvvisazione.Devo fare i complimenti alla squadra.
A suo avviso allo stato attuale esiste una favorita per la promozione diretta? E quali sono le favorite per i playoff? 
La favorita per la vittoria finale è il Giulianova. Se il Silvi però riesce a lasciarsi alle spalle il brutto inizio di stagione ne vedremo delle belle. Sui playoff non mi esprimo, dico soltanto che verranno raggiunti dalle squadra che meglio sapranno essere concentrate domenica su domenica. I dettagli faranno la differenza.
Presidente, Atri inteso come cittadina è rappresentato da un folto numero di squadre, anche di buon livello, che militano nei vari campionati. Non sarebbe il caso di unire le forze e puntare alla creazione di una squadra in grado di puntare davvero in alto? 
La domanda mi consente di esporre il mio pensiero. Credo che sia giunto il momento di unire le forze. Non c'è più spazio per personalismi o egoismi di sorta a cominciare dal sottoscritto. Sono pronto a farmi da parte di fronte ad una fusione delle due realtà calcistiche di prima squadra presenti su Atri capoluogo. La storica Hatria calcio (squadra dove ho militato anche io e tutti gli atriani che hanno praticato il calcio, di cui tra l'altro mio padre ha avuto l'onere di essere Presidente) lo scorso anno si è lodevolmente  fusa con il Real Treciminiere dando luogo all'attuale REAL TREC HATRIA 1957. Ben tre anni or sono la nostra ASD Calcio Atri nasceva dalla fusione di tre realta: United BDR Hatria, Virtus Hatria e Citta di Atri. Quindi è giunta l'ora di proseguire il lodevole percorso svolto parallelamente dai due gruppi dirigenziali e riunirsi in unico gruppo. Questo è il mio auspicio.
 
A cura di LUCA SALINI
Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione Abruzzo il 17/01/2019
Tempo esecuzione pagina: 0,05498 secondi