Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI COPPE     VIDEO

Serie A 2017-2018 a cinque stelle, è finito il dominio bianconero?

  Scritto da Redazione Abruzzo il 31/10/2017

La Serie A 2017-2018, dopo 11 giornate di campionato, si conferma essere il torneo più avvincente e combattuto degli ultimi anni. Dopo i sei scudetti consecutivi di dominio targato Juve, infatti, il campionato di calcio in corso è sempre più a cinque stelle, ovverosia con Lazio, Inter, Napoli, Juventus e Roma che sembrano avere le carte in regola per lottare per lo scudetto fino alla fine. 

Le cinque 'sorelle', tra l'altro, rispetto alle altre avversarie sembrano avere una, anzi due marce in più visto che le formazioni di media e bassa classifica in ogni weekend fanno fatica a fare punti specie quando davanti si trovano proprio le big. Chi sta seguendo le partite di Serie A in calcio streaming, ad esempio, sta assistendo alla cavalcata irresistibile del Napoli guidato dal mister Maurizio Sarri, ma anche alla rinascita dell'Inter che sta beneficiando della 'cura Spalletti'.

Già durante il calciomercato estivo gli addetti ai lavori avevano visto l'ex tecnico della Roma come l'uomo giusto per riportare la squadra nerazzurra ai vertici, e così è stato. Basti pensare al fatto che l'Inter dopo 11 giornate di Serie A ha la seconda miglior difesa, dietro solo alla Roma, grazie al rendimento che, rispetto alla passata stagione, è cresciuto per giocatori come Yūto Nagatomo e Danilo D'Ambrosio, ma sinora la grande rivelazione del campionato è rappresentata dalle eccellenti prestazioni nel reparto difensivo di Milan Škriniar. 

Pure la Roma sta dimostrando di avere una difesa solida, nonostante le cessioni estive di Antonio Rüdiger e di Leandro Paredes, mentre le prestazioni sul campo della Lazio non sono altro che la prosecuzione di un lavoro, da parte del mister Simone Inzaghi e della dirigenza, che è all'insegna della programmazione, e che sta dando i suoi frutti.

Considerando che, rispetto alle prime cinque, per le altre squadre di Serie A i valori tecnici si sono ulteriormente appiattiti verso il basso, è lecito scommettere sul fatto che per la vittoria del campionato ad essere decisivi saranno gli scontri diretti. Da questo punto di vista la squadra sulla carta più avvantaggiata è l'Inter che, rispetto a Roma, Lazio, Juventus e Napoli, non ha le coppe. 

Le cinque 'sorelle' della Serie A, pur tuttavia, hanno un palese punto debole in comune, quello rappresentato dal fatto che quasi sempre i risultati dipendono dal rendimento dei loro bomber in attacco che, di conseguenza, sono costretti a fare gli straordinari. Per esempio, il Napoli non può fare a meno di Dries Mertens, l'Inter è Icardi-dipendente, così come la Lazio non può rinunciare alle reti di Ciro Immobile. Stesso discorso per la Juventus le cui sorti dipendono anche dalla vena realizzativa di Gonzalo Higuaín.

I bianconeri, dopo aver deciso di cedere in prestito Moise Kean all'Hellas Verona, non hanno infatti un vice-Higuain, così come al momento neanche il Napoli ha un vice-Mertens a causa del nuovo grave infortunio occorso all'attaccante polacco Arkadiusz Milik. Stessa musica per la Roma che non può che mandare in campo Edin Džeko, il capocannoniere della Uefa Europa League 2016-2017 con 8 reti, e della Serie A 2016-2017 con ben 29 gol.

Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione Abruzzo il 31/10/2017
Tempo esecuzione pagina: 0,89045 secondi