Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×

1a CAT. - L'HATRIA si prepara da protagonista, parla mister REITANO

ATRI - Un finale di stagione sfortunato per l'Hatria, il cui sogno è svanito nella finale playoff (non è bastato l'1-1 esterno con la Fater) per l'accesso in promozione, ma sicuramente la squadra di Reitano ha già dimenticato il tutto, pronti a ripartire nel migliore dei modi.

È proprio la rincoferma del mister Atriano il primo colpo della dirigenza rossoverde, gli uomini di mercato dell'Hatria stanno facendo di tutto per garantire allo staff tecnico una rosa pronta a dominare il campionato di Prima categoria.

Il passo importante è stata sicuramente la riconferma dello zoccolo duro e non solo, infatti dal Calcio Atri sono arrivati il talentuoso Martella, il difensore bomber Forcella, 20 goal nelle ultime due stagioni tra 1a e 2a categoria , ed il portiere Tini.

Per ultimo lasciamo la ciliegina sulla torta, il ritorno di Giuseppe Rachini, sceso di categoria per far tornare il nome di Atri in campionati che ben gli spettano, e non si parla  certamente della Promozione.

Rachini è cresciuto nel vivaio dei ducali, e in giovanissima età (dal 2002 al 2007) era alla guida del  centrocampo rossoverde insieme allo zio Paolo in Eccellenza.

Dopo 10 anni di Serie D ed Eccellenza lontano dal suo paese, l'Hatria è riuscita ad acquisire nuovamente le prestazioni del centrocampista che, sicuramente , non sarà l'unico acquisto di spessore che il presidente Consorti regalerà a Reitano.

Abbiamo contattato proprio il mister ducale che ci racconta come preparerà la sua terza stagione sulla panchina Atriana.

D. Mister Reitano partiamo subito dal primo colpo dell'hatria in questa sessione, la sua,meritatissima, conferma. Quant'è carico ma soprattutto felice?

R. "Sono veramente orgoglioso di essere stato riconfermato anche perché non è sempre semplice per un allenatore riuscire a restare per ben tre anni consecutivi alla guida tecnica di una squadra, ancor meno semplice se questa squadra è l'Hatria Calcio che per storia e tradizione deve ambire sempre a campionati di alta classifica. In questi due anni ci siamo tolte molte soddisfazioni con la vittoria del campionato di seconda categoria e il raggiungimento della finale play off di prima categoria. Da quella sconfitta che ha lasciato l'amaro in bocca bisogna ripartire con più forza e convinzione per cercare di fare ancora meglio anche se non sarà facile."

D. L'anno scorso il sogno è svanito davvero per un nulla, quest'anno non potete tirarvi fuori dalla lotta promozione, volete far tornare il nome di Atri in una categoria importante?

R. "Quando sono stato chiamato ad allenare la squadra avevamo programmato di provare il ritorno in promozione in tre anni. Abbiamo sfiorato l'impresa di farcela in appena due stagioni  e lo avremmo meritato per ciò che abbiamo fatto durante l'anno e per come abbiamo giocato la finale play off, ma purtroppo quel giorno ci è mancata la fortuna che in queste categorie è una delle tante componenti necessarie per vincere. Io chiedo ai miei ragazzi di mettersi sempre in discussione e di migliorare sempre, quindi nel prossimo campionato l'obiettivo deve essere di migliorare ciò che abbiamo raggiunto nella precedente stagione. In ogni caso l'obiettivo dell'Hatria deve essere sempre quello di ritornare nelle categorie in cui è abituata a giocare e quest'anno proveremo a raggiungerlo".

D. La dirigenza sta facendo di tutto per affidarle all'inizio della stagione un roster importante, sono arrivati Forcella,Tini e Martella dal Calcio Atri ed il top acquisto, quello di Giuseppe Rachini. È soddisfatto dell'operato degli uomini mercato dell'Hatria?

R. "Sono molto soddisfatto perché sono arrivati giocatori molto bravi ed anche di categoria superiore. Rachini è ovviamente la ciliegina del nostro mercato che non ha bisogno di presentazioni per i suoi trascorsi calcistici ed è il valore aggiunto di questa squadra,ma anche gli altri che sono arrivati sono giocatori che renderanno sicuramente la squadra più forte. Forcella è un giocatore ormai maturo, un difensore molto forte fisicamente che ha anche doti realizzative che lo rendono uno tra i difensori più completi di questa categoria. Martella, che seguivo da tempo, è un'ala mancina molto talentuosa che se acquisisce continuità nel rendimento può esplodere e dare gol ed estro alla squadra. Tini è un portiere di esperienza e di estrema affidabilità che oltre a rendere il reparto dei portieri di ottima fattura, lasciandomi l'imbarazzo della scelta, aiuterà anche a far crescere ancora di più il nostro giovane e di grande prospettiva portiere Pelusi. La cosa più importante è ,però, che stiamo realizzando ciò che auspicavo all'inizio della mia avventura in panchina, cioè di allenare una squadra dalla forte componente atriana che dovrà dimostrare, e sono sicuro che lo farà, che Atri ha ottimi giocatori che insieme dimostreranno il loro alto potenziale proprio nell'anno in cui festeggeremo i 60 anni dell'Hatria Calcio."

D. Con diverse conferme e gli acquisti sopracitati ,  servirà soltanto puntellare i vari reparti, ci può anticipare qualche mossa futura? Sappiamo degli interessamenti per Sorricchio, visto che siete alla ricerca di una punta importante, e Angelozzi classe '98 ma con un curriculum già pesante.

R. "Abbiamo in corso varie trattative, alcune in fase di conclusione, e stiamo cercando di continuare a rilevare e convincere del nostro progetto altri giovani atriani molto interessanti, che riteniamo sarebbero fondamentali per la nostra squadra e soprattutto ci renderebbe ancora più orgogliosi di ciò che stiamo costruendo, cioè di vedere gli atleti atriani giocare al comunale "E.Pavone" indossando la maglia rossoverde. In questi anni abbiamo valorizzato molti giovani atriani ed io voglio continuare su questa linea, perché ne abbiamo ancora di molto forti sparsi in tante squadre che vorrei invece vedere giocare insieme per la propria città e per raggiungere la promozione. Siamo sicuramente in cerca di una punta, Fabio è un obiettivo perché è uno degli attaccanti più forti in circolazione oltre ad essere atriano . Se le nostre strade non dovessero incontrarsi dovremmo comunque puntellare il reparto offensivo, oltre a cercare di concludere con qualche giovane di qualità, e poi il mercato potrebbe praticamente definirsi chiuso."

Federico Ermanno Di Fabio

Print Friendly and PDF
  Scritto da Federico Ermanno Di Fabio il 11/07/2017
Tempo esecuzione pagina: 0,83727 secondi