Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI     VIDEO

Dalla panchina alla scrivania.. per ora..

A cura di Luca Salini

Alfredo Castellano non ha bisogno di presentazioni. E’ stato un ottimo giocatore, molto dotato tecnicamente, e da oltre 15 anni calca le panchine dei più importanti campionati dilettantistici. E’ prima di tutto una persona schietta e diretta, una rarità nel mondo del calcio. In questa stagione Castellano svolgerà l’incarico di Direttore Sportivo dell’ambiziosa Turris Val Pescara.

Da quest’anno lei è Direttore Sportivo della Turris Val Pescara. Domenica avete iniziato con la coppa Abruzzo. Un giudizio sulla prima uscita stagionale?

Il passaggio in Coppa Italia è stato un buon test contro una squadra forte come il Penne, che è servito per capire dove possiamo migliorare ancora.

Ci parla del tipo di mercato portato in avanti dalla società e dei colpi in entrata?

Si tratta di una squadra quasi totalmente nuova, abbiamo inserito in ogni zona del campo giocatori di spessore per la categoria, con doppioni per ogni ruolo e con l'inserimento di fuori quota di livello.

Quali sono i vostro obiettivi dopo aver allestito una squadra competitiva?

Gli obiettivi sin dall'inizio del mercato sono stati ben definiti e molto chiari: puntiamo a fare un campionato di vertice.

Il Teramo è stato inserito nel girone B di promozione, il girone della Turris Val Pescara. Come può influire sulle vostre ambizioni?

 Il Teramo darà sicuramente lustro a questo girone e alzerà il livello tecnico, noi faremo di tutto per stare il più possibile insieme a loro nei piani alti della classifica.

A suo giudizio quali sono, escluso il Teramo, le squadre più attrezzata per la promozione in Eccellenza?

Le squadre più attrezzate, almeno sulla carta, sono il Fontanelle, il Penne, il Favale, la Turris Val Pescara e non trascurerei il Lauretum.

Meglio fare l’allenatore o il direttore sportivo?

Ho allenato per 16 anni e mi sono divertito tanto, fare il collaboratore tecnico o direttore tecnico per questa società mi stimola e mi farà crescere sotto tanti altri aspetti, ma credo che tra qualche anno riprenderò la strada del campo.

Lei è un grande protagonista del calcio nazionale. A suo giudizio com’è cambiato il calcio rispetto a quando giocava?

Nazionale è un po' esagerato… Il calcio è cambiato tanto in negativo sotto l'aspetto puramente tecnico, di positivo trovo che anche in categorie dilettantistiche è cresciuta la passione degli addetti ai lavori per quanto riguarda l'aspetto tattico...ormai una copertura o un sali e scappa sanno tutti cosa sono…

Cosa l’ha spinta a “sposare” il progetto della Turris Val Pescara?

La voglia di vincere del patron Rudy D'Amico e il mio desiderio di portare il più in alto possibile una squadra di Pescara, la mia città.

Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione Abruzzo il 19/09/2022
Tempo esecuzione pagina: 0,03624 secondi