Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI     VIDEO

1a CAT. - L'ANGELESE riparte da mister FIDANZA

A cura di Luca Salini

Dopo l’inaspettata retrocessione dello scorso campionato, l’Angelese si rituffa nel campionato di prima categoria dopo aver ottenuto il ripescaggio. La compagine del Presidente Francesco Florindi è stata inserita nel girone A di prima categoria e si pone come obiettivo principale di dimenticare e far dimenticare la deludente passata stagione.

Presidente Florindi, con quale spirito vi accingete a disputare il campionato di prima categoria dopo la retrocessione dello scorso anno e il ripescaggio?

Lo spirito è quello di riscattare una stagione storta e difficile che purtroppo non è andata come speravamo, culminata con l’amara retrocessione.

Cosa vi ha spinto a presentare la domanda di ripescaggio in prima categoria?

Sicuramente il senso di rivincita ma anche la consapevolezza di tornare a casa con la voglia di ben figurare.

Siete stati inseriti nel girone A, composto da squadre aquilane. Da un punto di vista logistico ciò comporta notevoli difficoltà.

Le difficoltà logistiche sono evidenti, anche se a dire il vero lo scorso anno qualche trasferta per noi è stata abbastanza lontana. Ad ogni modo abbiamo la fortuna di poter disporre quest’anno di uno staff che si è messo subito al lavoro raccogliendo questa sfida.

In quale campo giocherete il campionato 2022/2023?

Siamo rientrati a Città S. Angelo dietro espressa volontà dell’amministrazione comunale di creare un progetto sportivo in cooperazione con la Renato Curi Angolana, naturalmente cercando sempre di preservare l’integrità del manto erboso dello stadio stesso.

Ci descrive le operazioni sul mercato in entrata e in uscita?

Il mercato è stato totale, della vecchia guardia sono rimasti pochissimi, proprio per una questione logistica. Voglio ringraziarli uno ad uno per lo spirito e la dignità con cui sono scesi in campo fino all’ultima partita. Abbiamo adesso una rosa con tanti bravi ragazzi che possono fare bene, un giusto mix di esperienza e gioventù che già alla prima uscita ufficiale hanno ben figurato.

Come allenatore avere scelto Gianluca Fidanza, su cui riponete la massima fiducia.

La fiducia è totale come doveroso che sia, è un mister preparato, incisivo e determinato, la persona giusta che serve in questi casi per ricostruire un ambiente. Il suo curriculum sia da calciatore che da allenatore è di tutto rispetto, con un’esperienza importante alle spalle e con un suo staff molto affiatato.

Quali sono i vostri obiettivi stagionali?

L’obiettivo è quello della salvezza e magari di toglierci qualche sfizio, anche perché siamo in un girone che logisticamente è al pari di un vero e proprio campionato regionale.

Torniamo alla scorsa stagione. Si aspettava di retrocedere dopo un girone di andata che lasciava aperte le possibilità di salvezza?

L’anno scorso siamo partiti con molte difficoltà, giocavamo in un girone dove c’erano almeno quattro società di categorie superiori, in un territorio molto difficile ed impegnativo. Naturalmente nessuno vuole perdere però la sconfitta è parte integrante del gioco, infatti l’anno della promozione nessuno si aspettava una nostra vittoria. Quando una sconfitta arriva non ci rende sicuramente felici ma deve insegnarci e farci capire dove dobbiamo migliorare.

Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione Abruzzo il 13/09/2022
Tempo esecuzione pagina: 0,03381 secondi