Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI     VIDEO

2a CAT. - Il CASTILENTI mira ad una salvezza tranquilla

A cura di Luca Salini

Il Castilenti del Presidente Giuseppe Mazzocca si appresta a disputare da neopromossa il campionato di seconda categoria. Abbiamo intervistato il massimo dirigente che ci illustra obiettivi e strategie della formazione della Valfino.

Presidente, siete pronti per ripartire e per tornare a respirare l’aria del campionato?

Dopo un anno e mezzo di stop siamo pronti e carichi, non vediamo l’ora di ricominciare la stagione agonistica, sperando che il Covid non blocchi di nuovo il campionato.

Lo scorso anno il Castilenti ha festeggiato la promozione in seconda categoria ma il campionato 2020/2021 non è mai iniziato a causa della pandemia. Come avete vissuto questo periodo di sospensione forzata?

È stata dura stare lontani dal campo, dallo spogliatoio, dagli amici, dal bel gruppo che si era creato, soprattutto in ragione del fatto che venivamo da un’annata vincente.

Peraltro dovete ancora festeggiare la promozione con i vostri tifosi, sempre presenti e vicini alla squadra…

Ci sarà sicuramente tempo per festeggiare insieme ai tifosi e a tutta la squadra del vecchio gruppo, aspettando che l’emergenza epidemiologica sparisca del tutto e ciò consenta di riunirci e fare festa in maniera più tranquilla e serena.

Presidente, parliamo del campionato alle porte. Chi sarà l’allenatore?

Come allenatore resta confermato Marco Pepe, già con noi dall’anno scorso, persona passionale, preparata e con un curriculum da allenatore dilettantistico molto ricco.

Per quanto riguarda la rosa, ci sono state importanti novità oppure avete preferito la continuità?

Noi abbiamo riconfermato tutti i tesserati della stagione passata con una rosa di 25 giocatori, poi c’è chi ha voluto intraprendere nuove esperienze e chi invece è arrivato quest’anno: mi riferisco soprattutto all‘esperto attaccante Fabio Sorricchio che vanta numerose presenze e reti nei maggiori campionati dilettantistici.

Ci illustra le operazioni di mercato concluse fino ad ora in entrata e in uscita?

Per quanto riguarda gli acquisti, oltre a Sorricchio, abbiamo con noi il difensore Mattia Tauro proveniente dal Farindola, Francesco Di Donato, portiere proveniente dal Rapid  Montesilvano e il terzino Alessio De Sanctis, classe 2001 (Castilentese purosangue) molto promettente, proveniente dal settore giovanile della Valfino. Per quanto riguarda le cessioni, abbiamo perso purtroppo l'attaccante Diego Gigante che ha scelto Loreto Aprutino come piazza per questo campionato, l'attaccante Enzo Affettuosa che per problemi lavorativi ha rinunciato definitivamente al calcio. Inoltre abbiamo perso per quest'anno anche l'attaccante Damiano Di Massimo, coinvolto in un brutto infortunio in questo periodo estivo.

Il mercato è ancora aperto. Farete altri colpi?

Per ora dovremmo essere a posto, ma siamo consapevoli che manca un attaccante che non riusciamo a trovare, mentre negli altri reparti abbiamo più persone per ogni ruolo. Il difficile sarà trovare la continuità negli allenamenti e sperare in pochi infortuni, problematiche molto comuni in queste categorie, dove si pratica calcio per passione e non per lavoro.

Quali sono i vostri obiettivi per il campionato di seconda categoria?

Essendo una neopromossa, l’obiettivo principale è sicuramente la salvezza, fare un buon campionato, e consolidare questo bellissimo gruppo per cercare di toglierci più soddisfazioni possibili.

Il prossimo anno ci saranno tanti derby tra squadre della Vallata del Fino… Una considerazione in merito.  

Un campionato pieno di derby è sempre bello, soprattutto per i tifosi, e per quel “sano” campanilismo che va difeso, a maggior ragione nei nostri piccoli paesi dove il calcio è rimasto una delle poche attività che svolge una importante funzione sociale.

Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione Abruzzo il 06/09/2021
Tempo esecuzione pagina: 0,05447 secondi