Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI     VIDEO

Il CALCIO ATRI riparte nel segno della continuità

A cura di Luca Salini

l Calcio Atri getta le basi per la ripresa e si appresta a vivere una stagione da protagonista. Ambizioso e dotato di buon senso. Potremo definire sinteticamente così il Presidente Alessandro Italiani. Ma sarebbe una descrizione parziale in quanto si tratta di un dirigente sportivo competente e abile nella gestione della società, sia da un punto di vista finanziario che sportivo. Nella presente intervista Italiani ci ha illustrato i programmi e gli obiettivi del Calcio Atri.

Presidente, siete pronti per la ripartenza?

Siamo prontissimi, i ragazzi fremono per tornare a giocare e lasciarsi alle spalle tanta sofferenza. La società non si è mai fermata ed ha continuato a coltivare rapporti ed interessi con l’obiettivo di crescere sempre.

Come avete vissuto questi mesi di stop?

Non ci siamo mai fermati. Abbiamo svolto diverse attività, da quella meramente fisica a quelle sociali e di crescita formativa. Nel periodo natalizio i ragazzi hanno voluto raccogliere tra loro dei soldini per poter aiutare le famiglie bisognose di Atri. Hanno raccolto 500 euro e le hanno consegnate al comune di Atri attraverso la protezione civile. E’ stato un bellissimo gesto che mi ha fatto comprendere definitivamente di essere circondato da un gruppo di uomini oltre che di giocatori. La società è stata vicina a tutti i ragazzi nel periodo più buio del lockdown e molti dei nostri in questi giorni sono alle prese con l’esame di maturità. Colgo l’occasione per augurare loro un grosso in bocca al lupo.

Ci saranno novità per la prossima stagione in merito all’organigramma societario?

Abbiamo avuto diverse richieste di collaborazione ma abbiamo deciso di confermare lo staff societario senza inserimenti ulteriori. Piccole variazioni in entrata ci saranno ma verranno comunicate ed ufficializzate più in avanti. Abbiamo confermato il DS Matteo Iommarini che si è ben distinto nella scorsa estate con acquisti mirati e precisi che hanno contribuito alla crescita del nostro sodalizio.

Avete confermato il Mister Umberto Italiani per la prima squadra?

Abbiamo confermato il Mister Umberto Italiani ed il Vice Giulio Pavone. Sul Mister parlano i risultati e la crescita esponenziale che i nostri giovanissimi ragazzi stanno avendo. Siamo al tempo del raccolto? Lo vedremo, altrimenti aspetteremo pazientemente.

In merito alla rosa dei giocatori cosa ti senti di dire? Ci saranno delle novità?

Il DS e il Mister sono al lavoro per puntellare ulteriormente la rosa, con innesti di qualità. Probabilmente qualche nostro giocatore appenderà le scarpe al chiodo. Abbiamo già individuato i rinforzi ed aspetteremo i tempi giusti per comunicarlo. La rosa è competitiva, giovane e affiatata.

Come vi muoverete sul mercato?

Sul mercato ci muoveremo con la solita tranquillità. Il tutto è demandato al DS Iommarini. Abbiamo diverse richieste in fase di valutazione. La serietà dimostrata negli ultimi anni ci pone in posizione di vantaggio in diverse situazioni. Comunque è ancora presto per ufficializzare le trattative. Posso anticipare che abbiamo già chiuso due grossi innesti.

Presidente, quali saranno i vostro obiettivi per il prossimo campionato di prima categoria?

I nostri obiettivi sono quelli di ben figurare e vincere il più grande numero di gare. Non temiamo nessuno e saremo rispettosi dei valori altrui. Molto dipenderà anche dalla composizione dei gironi e dal novero delle squadre che li comporranno.

Come ti immagini il calcio post-Covid?

Il Calcio post-Covid sarà molto simile al calcio pre-Covid. Credo che ci saranno diversi pensionamenti anticipati ed un ricambio generazionale. Non ci sarà il tanto sbandierato calo degli ingaggi perché in teoria siamo tutti bravi a teorizzare ridimensionamenti, poi in pratica tutti vogliono vincere ed accaparrarsi il pezzo migliore. Noi non abbiamo di questi problemi ma posso garantire che la corsa all’attaccante anche quest’anno farà lievitare i prezzi.  La Federazione ha svolto un eccezionale lavoro nel portare al termine il campionato di Eccellenza ma anche nel gestire la fase pandemica. Le conoscenze apprese in questa fase saranno utili per gestire sempre meglio l’aspetto sanitario e la prevenzione legati al calcio.

Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione Abruzzo il 19/06/2021
Tempo esecuzione pagina: 0,08965 secondi