Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI     VIDEO

Patrizia ROSSETTI: una vita a 1000 tra carriera e amore per il calcio

A cura di Luca Salini

Patrizia Rossetti rappresenta un'icona della televisione italiana. Una donna solare, brillante, attraente, competente, dedita al lavoro, dai mille interessi. Tra questi rientra anche una profonda passione per il calcio e per il suo Milan. Abbiamo intervistato la famosa presentatrice di celebri e seguitissimi programmi televisivi.

Il Festival di Sanremo del 1982 l’ha lanciata nel mondo della televisione. Che ricordi ha di quel periodo?

Ricordi belli, emozionanti e nitidi: non avrei mai potuto immaginare di iniziare a lavorare in televisione con il Festival di Sanremo. Ciò equivale ad intraprendere un percorso importante con il botto in quanto di solito si presenta il Festival di Sanremo o a metà carriera oppure quando si acquisiscono bravura ed esperienza. Per me è impossibile dimenticare le stupende emozioni provate durante l’esperienza del Festival di Sanremo del 1982.

Per un periodo di tempo lei teneva compagnia agli italiani su rete 4 per oltre 10 ore al giorno. C’è un episodio legato a questa esperienza televisiva che ricorda con maggior enfasi?

Un episodio unico direi di no. Per 15 anni ho condotto e presentato un contenitore che iniziava la mattina e terminava la sera. Quando fai queste lunghe trasmissioni in diretta, entri in studio la mattina ed esci la sera, non sai cosa succede fuori, perdi di vista la vita reale anche se è tutto molto bello. Ad ogni modo si tratta di programmi televisivi che si possono fare al momento giusto, con la preparazione giusta e all’età giusta. Questa trasmissione mi ha dato grande popolarità, ma portarla avanti oggi sarebbe impegnativo in quanto è importante vivere la vita fuori dagli studi televisivi.

Lei è una conduttrice poliedrica. Visto che ha condotto tanti programmi e portato avanti tante esperienze, non le pesa il fatto di essere perlopiù identificata come il volto del pomeriggio di rete4 e delle soap opera?

Non mi pesa affatto, anzi ne sono onorata in quanto sono stata la prima in assoluto a fare un programma in diretta su Reta 4, iniziato con le telenovele poi diventato un talk show dove si parlava dei più svariati temi. Si trattava di una tipologia di programmi molto seguita da un certo pubblico, che abbiamo messo maggiormente in risalto con il mio contenitore.

Lei è molto presente, con il suo proverbiale solare sorriso, sui social network. Ha mai vissuto situazioni spiacevoli nel mondo virtuale?

Le ho vissute come tutti e le vivo ancora. Da una parte i social sono positivi perché ti tengono a contatto con il pubblico, dall’altra però i social possono essere infidi in quando dietro l’apparenza ci sono persone cattive che si sentono in dovere e si permettono di sparare a zero contro personaggi pubblici. La falsità di certe persone che osano giudicare sotto la maschera di profili falsi mi infastidisce. A mio avviso si rende necessaria l’introduzione di una legge che consenta di pubblicare certe cose e di vietarne altre ma anche di esprimere le opinioni con educazione e rispetto.

Qual è il segreto del suo successo? E della sua intramontabile bellezza?

Ti ringrazio per il complimento. Una persona serena con sé stessa lo rispecchia anche fuori. Sono una donna molto schietta, sincera, tranquilla, e tutto questo emerge da quanto realizzato nel corso della mia carriera. La sincerità è una valore che paga sempre.

Un rammarico particolare?

Nella mia vita non ho né rimpianti né rimorsi. Ho fatto le mie scelte, nel lavoro e nella vita privata, calcolando e programmando ma anche di getto, senza pensarci su. E non mi sono mai pentita di nulla.

Come sta vivendo questo periodo difficile a causa della pandemia da Covid 19?

Come tutti, vivo questo periodo con tristezza e apprensione. Non pensavo di vivere una situazione così brutta, deprimente, angosciante, che non dà sbocco non solo sul presente ma anche sul futuro. Cerchiamo di adeguarci e di rispettare le regole ma la situazione è molto delicata: non ci è consentita la libertà di agire, di abbracciarci, di vivere.

Lei ha condotto anche importanti trasmissioni sportive come A tutto campo e Calcio d’estate. E’ anche una grande appassionata di calcio.

Non sono una tifosa scatenatissima ma mi diverte molto il calcio, mi appassiono quando vedo squadre che giocano bene. Sono un amante del bel calcio.

Per quale squadra fa il tifo?

Tifo Milan anche se ho un pezzo di cuore a Empoli. Sono contenta in quanto entrambe le squadre sono prime in classifica nei rispettivi campionati. Mi auguro che l’Empoli possa tornare in serie A, la categoria dove merita di giocare.

Un commento sul campionato attuale. Qual è la sua favorita per lo scudetto?

A mio avviso la favorita è il Milan, ci sono tutte le condizioni per vincere il campionato. Dopo tanti anni vedo una squadra forte e motivata. Il primato attuale non è per nulla casuale e risultati e gioco lo dimostrano. Speriamo che sia la volta buona per tornare a trionfare.

In questo periodo si assiste al triste fenomeno delle partite senza pubblico. A suo giudizio quando gli stadi potranno tornare ad essere pieni di gente?

Il mio giudizio è relativo: io vorrei che si tornasse domani non solo allo stadio ma anche nei cinema, nei musei… Se la situazione si mantiene costante come adesso, grazie ai risultati della vaccinazione, forse prima dell’estate potrebbero esserci le condizioni per tornare allo stadio. Ma si tratta di un mio auspicio dettato dal cuore e non da valutazioni tecniche e sanitarie.

E’ mai stata in Abruzzo?

Sono stata nella vostra meravigliosa regione alcuni anni fa per lavoro. L’Abruzzo è una bellissima regione che presenta posti belli e affascinanti. Adoro tutta l’Italia, da nord a sud, e vederla trattata in questo modo è molto desolante.

Quali sono i suoi progetti per il futuro?

La serenità e la salute prima di tutto. Spero di continuare a fare le mie attività senza arrampicarmi sugli specchi. Sono molto fatalista e quello che la vita mi darà lo prenderò per buono. Da un punto di vista professionale ci sono diverse proposte che sto valutando. Vedremo.

Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione Abruzzo il 10/02/2021
Tempo esecuzione pagina: 0,11341 secondi