Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI     VIDEO

Streaming e intrattenimento: cosa aspettarsi dal futuro

Per decenni, il mondo dell’intrattenimento è stato profondamente legato a tre canali tradizionali: la radio, il cinema e la televisione. Nell’ultimo periodo, tuttavia, le cose sono cambiate e possiamo affermare con ragionevole certezza che l’intrattenimento così come l’abbiamo conosciuto ormai non esiste più. Il responsabile di questa rivoluzione è lo streaming, inteso sia come riproduzione in diretta e on demand dei canali televisivi classici, sia come riproduzione online di film e serie TV su piattaforme come Netflix, sia come mezzo di riproduzione di “live” di sport, musica e videogame su piattaforme come Twitch. Soprattutto nell’ultimo anno, abbiamo assistito a un’impennata clamorosa dei servizi in streaming e oggi cercheremo di capire cosa dobbiamo aspettarci per il futuro, anticipando sin d’ora che c’è la forte impressione che nei prossimi anni lo streaming diventerà ancor di più parte integrante delle nostre vite.

Free Image Hosting at FunkyIMG.com

In Italia la prima è scommettere sullo streaming è stata Netflix

Dopo decenni in cui cinema, televisione e radio si sono spartiti il mercato, oggi tutto è cambiato e la responsabilità di tale cambiamento è imputabile principalmente allo streaming. In Italia, l’apripista è stata Netflix, con l’azienda statunitense che già da diversi anni ha deciso di scommettere sul fatto che il proprio prodotto sarebbe stato apprezzato senza remore soprattutto dalle fasce più giovani della popolazione. E infatti in un primo momento Netflix ha fatto incetta di utenti soprattutto tra gli under 30 e 40 grazie a un’offerta di film e telefilm dedicata e pensata proprio per tale fascia di età. Negli ultimi tempi, tuttavia, anche le persone meno giovani hanno deciso di intrattenersi con Netflix che, di conseguenza, ha ampliato la propria offerta e l’ha rimodulata pensando proprio alle esigenze di tutti i suoi nuovi clienti. Sulla scia del successo di Netflix, i vari Amazon Prime Video, Now TV e Dazn si sono via via ritagliati una fetta di mercato sempre più importante, con buona pace delle emittenti televisive storiche che, sotto attacco, hanno dovuto reagire a loro volta. L’universo televisivo, tuttavia, non è l’unico che ha dovuto fare i conti con l’esplosione del fenomeno dello streaming: anche il mondo dei videogame e quello del gioco d’azzardo sono stati letteralmente travolti dalla rivoluzione tuttora in atto. E così, mentre da un lato piattaforme di riproduzione di videogame in streaming come Twitch e Youtube fanno registrare un incremento di utenti attivi nell’ordine dell’80% su base annua, dall’altro lato le agenzie di scommesse hanno iniziato a mettere a disposizione dei clienti sessioni di live streaming in cui questi ultimi possono giocare e intrattenersi con slot online, poker, blackjack, roulette e tantissimi altri giochi da casinò.

Free Image Hosting at FunkyIMG.com

Non solo film e serie TV: il futuro dello streaming è nello sport, e viceversa

Come di semplice percezione, il successo riscosso dalle piattaforme di riproduzione in streaming di film e serie televisive si è esteso anche al mondo della riproduzione di eventi sportivi come Sky e Dazn, con quest’ultima che dopo i problemi iniziali ora offre un servizio di buon livello e di qualità. A Dazn va riconosciuto il merito di aver compreso prime delle altre imprese già presenti sul territorio italiano quanto streaming e sport potessero viaggiare a braccetto, riuscendo a convincere i propri utenti che seguire una partita di calcio, di tennis o di basket via internet non è poi tanto male. Sulla scia di quanto fatto da Dazn, anche Sky ha deciso di ampliare la propria piattaforma di live streaming e ora Sky Go "gira" su qualsiasi dispositivo, fisso o portatile che sia, in Full HD.

Mentre Amazon Prime Video ha confermato che per il prossimo triennio la Champions League sarà distribuita rigorosamente in streaming, gli utenti continuano ad apprezzare i tanti pregi della riproduzione via web e la sensazione è che questo sia solo l’inizio di una processo di transizione definitivo dal satellitare al digitale.

Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione Abruzzo il 08/02/2021
Tempo esecuzione pagina: 0,06385 secondi