Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI     VIDEO

Gianluigi RICCHIONI eletto nel Consiglio Direttivo della LND ABRUZZO

A cura di Luca Salini

Competenza, disponibilità, gentilezza, concretezza, serietà, passione… Potremmo continuare all’infinito per descrivere le qualità di Gianluigi Ricchioni, una persona umile e con i piedi per terra. Lo abbiamo intervistato in esclusiva, fresco di elezione nel consiglio direttivo della L.N.D. Abruzzo con un risultato importante in termini di voti e le sue parole trasudano entusiasmo e voglia di fare. Siamo sicuri che Gianluigi non deluderà le aspettative di tutte le persone che da sempre credono in lui.

Consigliere Ricchioni, le prime sensazioni dopo la vittoria alle elezioni della Lega Nazionale Dilettanti Abruzzo?

Sono molto contento e soddisfatto in quanto per me l’elezione nel consiglio direttivo della L.N.D. Abruzzo rappresenta una importante progressione di livello dopo essere stato Delegato negli ultimi quattro anni. Il compito era difficile in quanto in provincia di Teramo c’erano “avversari” molto forti e di spessore, come il candidato alla Presidenza Rodomonti e i due candidati di Sant’Egidio, alla Vibrata, D’Ippolito e Talvacchia. La vittoria è ancora più gratificante tenendo conto del valore dei miei competitor.

Ripercorriamo la sua carriera da dirigente di società di calcio.

Ho iniziato nel 2011 creando l’associazione sportiva Usac Corropoli insieme ad alcuni amici. Da qui parte la mia carriera dirigenziale. Con l’Usac abbiamo raggiunto grandi risultati, la promozione dalla terza alla seconda categoria il primo anno a dalla seconda alla prima lo scorso anno, riportando entusiasmo nella disgregata realtà calcistica di Corropoli.

Lei ha ottenuto un ottimo risultato personale con 138 voti entrando con merito nel Consiglio Direttivo. Si aspettava questo straordinario riscontro?

Tenendo conto che è stata ammessa una sola lista, credevo di poter fare bella figura e di ottenere un buon risultato. Di certo qualche mese fa non mi sarei aspettato tanti voti a mio favore. Sono particolarmente soddisfatto per due ragioni: innanzitutto tutti i candidati consiglieri hanno appoggiato gli altri e questo è un segnale di grande compattezza. Inoltre al momento dell’elezione on-line erano presenti oltre il 70% delle società sportive aventi diritto a partecipare al voto.

Lei conosce bene sia il Presidente uscente Ortolano che il nuovo Presidente Memmo. I punti in comune e le differenze tra i due?

Sono due bravissime persone, Ortolano è più decisionista mentre Memmo è più mediatore. Ortolano è stato un valido e autorevole Presidente, Memmo dimostrerà di esserlo. Ortolano nel corso degli anni ha avuto la condivisione di tutti e si è fatto voler bene confrontandosi anche con toni forti, anche Memmo a livello di elezioni ha avuto la medesima condivisione e ha registrato lo stesso risultato del predecessore tant’è che ugualmente si è presentata una sola lista. Ciò non era né facile né scontato.

La squadra dirigenziale della L.N.D. Abruzzo è ben assortita e basata su persone esperte e competenti. Ci sono gli ingredienti giusti per far bene.

Sono persone capaci che vivono quotidianamente i problemi in quanto vengono dal mondo reale, imprenditoriale. Ci sono tutti i presupposti per far bene e abbiamo dimostrato grande spirito di collaborazione nella raccolta delle deleghe e nelle elezioni, come confermano i risultati quasi identici in termini di voti tra i candidati.

La domanda che tutti vorrebbero farle. A suo avviso quando potrà ripartire in sicurezza il calcio dilettantistico in Abruzzo?

Posso dire che all’interno del Comitato regionale c’è tanta voglia di ricominciare ma dobbiamo attenerci alle normative nazionali che dipendono dall’andamento dell’epidemia. Stiamo programmando come ripartire attraverso Protocolli specifici e come gestire lo svolgimento della ripresa dei campionati, cominciando dall’Eccellenza che dovrebbe essere la prima a tornare in campo.

Cosa si sente di dire ai Presidenti di società che attendono la data per poter ripartire?

Comprendo le difficoltà di programmazione dei Presidenti, c’è la volontà di ripartire da parte di tutti. Dico loro di essere fiduciosi e ottimisti perché sicuramente ripartiremo. Bisogna solo avere pazienza e attendere il momento giusto per riprendere.

Quali misure potrebbero essere adottate dalla Federazione per fronteggiare la grave crisi economica e le difficoltà che ne conseguono per le società?

Ho in mente alcune iniziative in grado di garantire benefici economici alle società, ma si tratta di misure che purtroppo non riusciremo ad adottare nell’immediato. Ci stiamo attivando per reperire fondi dagli enti e per stipulare accordi specifici al fine di sostenere le società, in primis per i costi dei tamponi.

In bocca al lupo. Siamo sicuri che lei saprà mettere al servizio del Consiglio Direttivo competenza e concretezza, che da sempre la contraddistinguono.

Dovrò dimostrare di meritare la fiducia e tra quattro anni vedremo se sono stato capace di raggiungere gli obiettivi prefissati.

Vuole ringraziare qualcuno?

Ringrazio tutte le società che mi hanno sostenuto e anche quelle che legittimamente non lo hanno fatto. Porterò avanti la mia attività senza distinguo e sarò il rappresentante di tutti. Ringrazio Ezio Memmo, persona capace e perbene che mi ha fatto entrare in questo stupendo gruppo, Sandro Di Berardino, persona di spessore che mi ha introdotto in questo mondo, mia moglie e mio figlio che mi sopportano e supportano.

Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione Abruzzo il 14/01/2021
Tempo esecuzione pagina: 0,05919 secondi