Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI     VIDEO

ARSITA CALCIO: parla Paolo DI CASIMIRRO

A cura di Luca Salini

Da un po' di tempo si rincorrono voci sulla mancata iscrizione al campionato dell’Arsita calcio. Una notizia clamorosa se si tiene conto del blasone e dei risultati ottenuti in questi anni dalla compagine dell’alta Valle del Fino. Abbiamo intervistato il presidente uscente dell’Arsita, Paolo Di Casmirro.

Paolo, lei ha rassegnato le dimissioni da Presidente dell’Arsita. Ci spiega le motivazioni alla base di questa scelta?

Nell'anno calcistico appena trascorso ho scelto di ricoprire per la prima volta l'incarico di presidente dell'Arsita Calcio. Questa decisione è stata ponderata e si è basata principalmente sulla circostanza che la società per consuetudine ogni due anni cambia la figura di vertice tra i vari soci che si propongono, L’obiettivo è di ridare nuova linfa periodicamente al progetto da sempre portato avanti.
La mia personale decisione è stata dettata dalla passione e dall'amore che ho per la squadra del mio paese e dal desiderio di poter contribuire in prima persona allo sviluppo dell'associazione sportiva. Allo stesso tempo ero ben consapevole del fatto che rivestire il ruolo da presidente non era affatto facile in quanto vivo e lavoro lontano da Arsita. Comunque parlandone con tutti i soci e rappresentando le mie criticità, mi sono sentito ben supportato, pertanto ho deciso di iniziare questa nuova avventura.
Quest'ultima purtroppo, a causa dei noti fatti, si è interrotta bruscamente vanificando il buon lavoro fatto fino a quel punto e rendendo complicatissimo l'eventuale avvio di una nuova stagione.
Ripartire dal punto di vista calcistico non è facile, soprattutto per realtà come quelle di Arsita, che negli ultimi anni hanno dovuto far fronte a problemi di carenza sia d'organico che soprattutto di carettere economico.
Data la situazione e, viste le personali problematiche sopra esposte, mi sono reso conto, per il bene dell'Arsita Calcio, di non essere più la figura adatta per ricoprire l'incarico di presidente e, pertanto, ho rassegnato le dimissioni.

L’emergenza Covid ha stravolto completamente obiettivi e prospettive del calcio dilettantistico. La stessa iscrizione al campionato dell’Arsita calcio è in dubbio. Ci sono problemi seri per le società dei piccoli paesi.

Le piccole realtà sono quelle che secondo me risentiranno maggiormente di questa situazione di emergenza. Il fattore principale è essenzialmente di tipo economico, poiché la maggior parte delle squadre di paese traggono sostentamento dagli introiti derivanti dalle famose manifestazioni estive, per Arsita il riferimento diretto va a Valfino al Canto che quest'anno per l’emergenza Covid-19 non potrà svolgersi.
Un altro fattore, non di poco conto, è quello relativo alle poche sicurezze che vengono date sulla ripartenza o meno dei campionati, più che altro per quanto riguarda le misure di contenimento del virus che ogni società dovrà assicurare.

Ad ogni modo lei rimarrà come socio all’interno del sodalizio. A suo giudizio ci sono le condizioni per continuare a fare calcio ad Arsita?

Rimarrò come socio perché voglio continuare a sentirmi parte della comunità arsitana ed a contribuire, per quelle che sono le mie possibilità, a non far "morire" la socialità che ha da sempre contraddistinto Arsita.
Le condizioni per andare avanti possono esserci, tutto può essere realizzato se ci sono gli stimoli e la voglia di farlo. Il problema principale però risiede nel trovare proprio quelle persone che prendano in mano la situazione e che abbiano la forza di ripartire.

Quando ci saranno novità in merito alla sopravvivenza o meno dell’Arista calcio?

In queste settimane nelle varie riunioni societarie è emersa la volontà di ripartire, e stiamo verificando se ci sono le suddette condizioni. Penso che a breve si giungerà ad una decisione definitiva. È opportuno chiarire che quest'anno il tempo è dalla nostra parte poiché la data di ripartenza dei campionati sicuramente subirà uno slittamento rispetto a quelle degli anni precedenti.

Ci tengo a ringraziare la redazione di Teramodilettanti per l'opportunità concessami di rappresentare le ragioni della mia scelta e le problematiche generali di ripartenza per una nuova stagione calcistica dell'Arsita Calcio.

Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione Abruzzo il 01/08/2020
Tempo esecuzione pagina: 0,04683 secondi