Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI     VIDEO

Intervista al forte difensore Gabriele FORCELLA. A cura di Luca Salini

Diamo la parola a Gabriele Forcella, un protagonista indiscusso del girone C di seconda categoria e di tutto il panorama calcistico provinciale. Il forte difensore (autore già di quattro reti in campionato) milita in questa stagione nella squadra del Cellino calcio che, nonostante la sconfitta di domenica scorsa contro la rivelazione Angelese, occupa il primo posto in classifica proprio in coabitazione con la compagine di Mister Marcone. 

 Ci parli degli inizi della tua carriera e delle squadre in cui hai militato?

Dopo aver giocato con Rosetana e Notaresco sono tornato nella mia Atri dove ho giocato parecchie stagioni con l’Htria calcio tra campionati di eccellenza e promozione. Poi ho disputato una stagione vincente con la torrese( Torre de passeri) per passare in seguito al Fontanelle, al Casoli, alla BDR United Atri, di nuovo ad Atri e, infine, al Cellino.

Perchè hai scelto il Cellino?

Ho scelto Cellino perché è una società ambiziosa composta da persone serie e determinate. 

La sconfitta casalinga contro l'Angelese ha pesato molto in quanto ora il Cellino è primo in classifica a pari punti con l'Angelese. Un commento sulla partita?

La sconfitta di domenica contro l’Angelese ci deve far riflettere sugli errori commessi in modo da non ripeterli per il futuro. Dopo sei vittorie consecutive può starci una battuta d’arresto. Ma siamo pronti a riscattarci già da domenica prossima a penne.

Sei soddisfatto del campionato finora disputato dal Cellino e come giudichi il tuo rendimento? 

Bella domanda. Per il momento credo che stiamo disputando un ottimo campionato. Siamo partiti con l’obiettivo di migliorare la classifica dello scorso anno e credo che fino ad ora la squadra stia ottenendo risultati al di sopra delle aspettative. Per quanto riguarda me, non nascondo che il terreno di gioco mi penalizza e mi provoca alcuni acciacchi fisici in quanto non sono abituato ad allenarmi sul campo in terra. Ad ogni modo cerco di adattarmi al meglio. Per il momento ho segnato  quattro gol in campionato e due in coppa Abruzzo. Spero di arrivare in doppia cifra come accaduto nelle tre annate precederti.

A tuo avviso quali sono le squadre più forti del girone e le favorite per la promozione? 

Analizzando la classifica si tratta di un campionato aperto sia nelle zone alte che nelle posizioni inferiori. Secondo il mio punto di vista le squadre che arriveranno a braccetto, lottando per la promozione, saranno: Cellino, Angelese, Valle del Fino Castiglione, Arsita e Guardia Vomano anche se quest’ultima ha disputato una partita in più.

A tuo avviso qual è la squadra rivelazione e il giocatore che ti ha maggiormente impressionato?

Di squadre e giocatori che mi hanno impressionato non ne ho visti, però posso dire che il Cologna ha in rosa giovani interessanti. Non vedo squadre rivelazione in questo girone: le cinque squadre che ho citato prima si giocheranno campionato e posti play-off . Chi la spunterà? Speriamo il Cellino: io e i miei compagni ce la metteremo tutta.

Tu sei un illustre rappresentante del calcio atriano. Non credi che sia opportuno arrivare ad una fusione tra le tante squadre di Atri capoluogo? 

Per il bene dei giovani penso che atri dovrebbe avere una squadra unica tra settore  giovanile e prima squadra. Sarebbe opportuno fare una squadra affiliata all’Hatria calcio per quei giovani atriani che non riescono a giocare in categorie superiori e, soprattutto, per i veterani che stanno per appendere le scarpette al chiodo.

Pensi che la finestra di mercato possa cambiare in modo determinante i valori delle squadre? 

Sicuramente alcune squadre faranno colpi interessanti per migliorare la rosa. Credo che anche la società dove gioco e il mio direttore non staranno a guardare. Però il girone di ritorno sarà un altro campionato, questo è sicuro.

Come ti trovi a Cellino? 

Senza voler sminuire il resto dell’intervista, questa è la domanda più bella. Cellino mi ha accolto molto bene, ci sono persone squisite in tutti i sensi. Per vincere ci vuole il gruppo e in questo caso nel nostro spogliatoio si respira un clima positivo e si è creata una importante amalgama. Speriamo di regalare il sogno a tutto il paese perché il calcio è gioia, poesia e fantasia. Ringrazio Luca Salini e la redazione di Teramodilettanti e AbruzzoGol per l’opportunità.

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione Abruzzo il 10/12/2019
Tempo esecuzione pagina: 0,08955 secondi