Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI     VIDEO

Riparte la Serie D: le abruzzesi in lizza

Il primo settembre riparte la Serie D e sono ben sei le squadre abruzzesi al via nel girone F: tre dalla provincia di Teramo (Giulianova, Pineto, San Nicolò Notaresco), due chietine (Vastese e appunto Chieti) e un’aquilana (l’Avezzano). Quali prospettive hanno esse quando il campionato è oramai alle porte? Facciamo il punto della situazione.

Delle sei squadre menzionate lo scorso anno ben cinque hanno partecipato al medesimo girone: tutte a parte il Chieti, neopromosso dopo aver vinto il girone abruzzese di Eccellenza. In un campionato dominato dal Cesena, il risultato migliore è stato ottenuto dal Pineto (foto), che tuttora sembra essere la squadra più attrezzata tra le sei: i teramani sono infatti giunti quarti con 62 punti in 38 gare, perdendo poi la semifinale playoff 2-0 contro la Recanatese. Il San Nicolò Notaresco ha ottenuto un settimo posto: il miglioramento è stato significativo rispetto all’anno precedente in cui la squadra è giunta quattordicesima e conferma che la società è ormai stabile nella categoria a molti anni ormai dalla promozione. Il Giulianova lo scorso anno è giunto tredicesimo a 44 punti mentre Avezzano e Vastese sono arrivate appaiate alla linea del traguardo con 42 punti.

Quale delle sei potrà legittimamente ambire alla promozione in D? Quali prospettive per le altre? La Serie C è sicuramente un altro mondo, non solo perché essa è categoria professionistica. Da nove gironi si passa a tre e il balzo economico è notevole per molte. C’è da dire però che quando le restrizioni economiche vengono superate il gap tecnico non è così ampio: basti pensare che nel corso delle scorse stagioni solo 2 squadre tra le ultime 20 neopromosse sono state retrocesse nella prima stagione, una statistica che gli specialisti del settore credono possa ripetersi nei campionati successivi. Per scoprire statistiche e previsioni sulle partite della terza categoria, è possibile consultare i pronostici degli esperti di calcio di Sportytrader che propongono alcuni dei match più interessanti della terza serie professionistica italiana oltre a quelli degli altri tornei più importanti come Serie A, Premier e Liga. Tornando alle statistiche, sembra che tra le neopromosse dalla D, solo Pianese e Picerno rischino concretamente la retrocessione, mentre Cesena, Como e soprattutto Bari saranno in piena corsa per la promozione in B.

La squadra meglio attrezzata, dicevamo, sembra il Pineto. La squadra giunge da due quarti posti consecutivi e in estate si è rafforzata soprattutto in attacco per sopperire alle partenze di Wilson Cruz (alla Torres) e di Simone Tomassini, finito al Matelica. Sono infatti arrivati tra gli altri Jonatan Alessandro dal Campobasso (dove lo scorso anno ha segnato 14 reti) e soprattutto Renan Pippi dall’Albalonga, con cui nel girone G è andato a segno per ben 19 volte in 34 partite. L’attaccante brasiliano scuola Gremio, una vita in Italia tra C e D, è stato acquistato con l’intento di ripetere le stagioni precedenti e, perché no, puntare alla promozione.

Moltissimo si è rafforzata la Vastese. La squadra lo scorso anno si è salvata solo con i playout ma nella stagione attuale ha grandi ambizioni e i due ottavi posti ottenuti nel 2016-2017 e nel 2017-2018 devono secondo la dirigenza essere migliorati. La difesa è stata praticamente rifatta ma anche qui è in attacco che si punta molto, ancora con un brasiliano: Mateus Dos Santos, da Salvador de Bahia, nella scorsa stagione è andato a segno per 19 volte con il Francavilla ma la mancata iscrizione della squadra teatina ha fatto sì che tutti i migliori elementi fossero liberi di accasarsi presso altre compagini.

San Nicolò Notaresco e Giulianova sembrano destinate ad un campionato di medio livello: ciò è auspicabile soprattutto per i secondi, promossi appena un anno fa dopo vicissitudini societarie che qualche anno prima avevano impedito loro l’iscrizione al campionato e la ripartenza dalla categoria inferiore. Da migliorare per i giallorossi soprattutto la fase offensiva viste le sole 35 reti dello scorso anno. Il San Nicolò, dal canto suo, si è affermato negli anni come compagine di medio livello nella categoria e i playoff, sebbene possibili, sembrano improbabili. 

Anche l’Avezzano sembra avere ambizioni di metà classifica. La squadra viene da un quindicesimo posto lo scorso anno dopo il terzo nel campionato precedente e i molti acquisti, specialmente in attacco, vanno letti in questo senso.

Discorso a parte, infine, per il Chieti. Eventi quali la radiazione di due anni fa, la ridenominazione della seconda squadra cittadina e la risalita dalla categoria inferiore sono stati assai traumatici e, sebbene appaiano esserci risorse, la squadra deve stabilizzarsi nella categoria e un piazzamento tra le prime dieci verrebbe accolto dagli addetti ai lavori come un successo.

 

 

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione Abruzzo il 26/08/2019
Tempo esecuzione pagina: 0,10685 secondi