Vota il sondaggio

Inserisci la tua email per votare

Puoi votare solo una volta per questo sondaggio e la tua email deve essere valida.
La tua email non sarà resa ne pubblica ne visibile.

Consenso al trattamento dati:

Accetta il trattamento dei dati.

 
×

Accedi al Sito !

Usa le tue credenziali di accesso:
Non ricordi più la password?

Registrati

 Resta connesso

 

oppure

Accedi con Facebook

×
Campionati e Risultati: NAZIONALI REGIONALI PROVINCIALI GIOVANILI COPPE     VIDEO

1a D - SORRICCHIO: "Il mio CALCIO ATRI vive di entusiasmo"

Nell'ultimo turno di campionato, il 16enne Errico Assogna è divenuto il più giovane goleador della storia calcistica atriana

ATRI - Probabilmente la più bella sospresa in questo scorcio di stagione in Prima Categoria arriva da Atri. I ragazzi del Calcio Atri di mister Umberto Italiani si stanno imponendo a suon di risultati, e dopo le prime 7 giornate, stazionano tanto soprendentemente quanto meritatamente al secondo posto della classifica generale a sole due lunghezze dalla capolista Miano. L’undici rossoverde nell'ultimo turno ha superato per 3 - 1 l'ostacolo Insula Falchi e la più bella notizia della domenica è arrivata a dieci dal termine con il primo gol della storia calcistica atriana di un 16enne. E' andato in gol infatti il classe 2002 Errico Assogna, prodotto del vivaio atriano, autore tra l’altro di un’altra grande prestazione. L'assist ad Errico non poteva che arrivare dai piedi di Fabio Sorricchio, sempre più uomo squadra anche con la maglia del Calcio Atri, 5 segnature in sole 4 partite disputate e tanto carisma ed esperienza a disposizione della crescita dei tanti giovani della cantera. Proprio Sorricchio, raggiunto dalla nostra Redazione, ha provato a spiegarci i segreti della sua squadra: "In effetti questa estate siamo partiti a fari spenti, poi sin dalle prime giornate ci siamo amalgamati bene riuscendo ad aiutare i tanti giovani presenti in rosa che per forza di cose hanno bisogno di tempo e pazienza per esprimersi al meglio. Non mi piace parlare di alta classifica ma non nego che stare davanti ci fa del bene perchè vincere aiuta a vincere, siamo una squadra che vive di entusiasmo. Le due partite vinte contro le forti Giulianova Annunziata e Casoli hanno alzato l'asticella delle nostre possibilità, ora sta a noi continuare a confermarci ogni domenica sul campo. Permettetemi di rendere il giusto merito all'allenatore Italiani che ha fatto un gran lavoro, la squadra rispetto allo scorso anno è cambiata abbastanza e non era per nulla facile ottenere già questo tipo di risultati dopo così poco tempo".

 

Print Friendly and PDF
  Scritto da Redazione Abruzzo il 01/11/2018
Tempo esecuzione pagina: 1,57075 secondi